Notizia

Al lavoro per accelerare i tempi della sopraelevata della stazione

(Direzione Generale/Uff.stampa) - Il Comune di Terni accelera sulla realizzazione della passerella sopraelevata della stazione ferroviaria e convoca tutti i soggetti che devono collaborare all'apertura del cantiere. La Porta dell'Umbria entra nella fase operativa, in vista dell'approvazione  a fine novembre, del progetto definitivo che, come è noto, è stato affidato allo studio londinese Benedetti+McDowell.
Nei giorni scorsi, il responsabile del procedimento, l'architetto Roberto Meloni, ha convocato una riunione di coordinamento, propedeutica alla conferenza dei servizi, un incontro che si è reso necessario data la complessità dell'intervento: un percorso pedonale lungo circa 200 m, che correrà ad oltre 7 m dalla quota terra, attraversando tutto l'intero fascio ferroviario e collegando il nuovo parcheggio di via Proietti Divi con l'attuale atrio est, dove verrà spostato l'ingresso principale alla stazione ferroviaria. Alla riunione erano presenti i progettisti, Rfi con il responsabile della direzione territoriale di Ancona Luciano Frittelli,  Centostazioni con il direttore operativo Francesco Corea, l'Asm, la Sii, Umbria Mobilità.
Nel corso dell'incontro sono state affrontate  le tematiche di maggiore complessità che hanno relazione diretta con i contenuti progettuali e con la fattibilità dell'opera: i vincoli derivanti dall'infrastruttura ferroviaria e dai relativi impianti ed esigenze di mantenimento del flusso ferroviario; l'integrazione del progetto con l'intervento di Centostazioni per il restyling della stazione; la gestione della fase costruttiva e di cantiere, per la quale è prevista la movimentazione delle grandi  componenti della passerella, con pezzi di dimensioni superiori ai 10 metri e pesi di varie tonnellate. Con Asm, Sii ed Umbria Mobilità si è lavorato sulla integrazione dell'opera con le reti esistenti e lo smaltimento delle acque meteoriche. Una volta approvato, il progetto definitivo sarà posto alla base dell'appalto integrato, per il quale è già in lavorazione un primo schema di bando, a cui seguirà la gara ed il successivo affidamento dei lavori.
“La riunione – dichiara l’assessore all’Urbanistica Marco Malatesta – ha lo scopo di accelerare i tempi dell’apertura dei cantieri. L'incontro dei giorni scorsi sarà seguito da altri, anche attraverso focus su specifiche tematiche e videoconferenze con i progettisti, al fine di monitorare opportunamente l'implementazione dei contenuti.  Ci muoviamo con una cronoprogramma molto stringente che richiede in meno di due anni di concludere l’opera.  La Porta dell'Umbria dovrà essere ultimata entrò giugno 2015, pena la revoca del finanziamento comunitario a valere dei fondi Por-Fesr 2007-13, pari a 3 milioni 448 mila euro su un totale di 4 milioni 310 mila euro”.