Notizia

"Terni chiede il rispetto della sua grande tradizione industriale"

(Direzione Generale/Uff.stampa) - "La giornata di mobilitazione di oggi dimostra che la città è unita e coesa nel chiedere il rispetto della sua grande tradizione industriale e siderurgica. Non chiediamo regali, ma la consapevolezza che qui ci sono 130 anni di storia, di professionalità, di tecnologia", ha dichiarato il sindaco Leopoldo Di Girolamo a commento della manifestazione e dello sciopero di questa mattina a difesa dell'integrità e del futuro del polo siderurgico di Terni. "Su questa vertenza c'è un sostegno ampio - prosegue Di Girolamo - che  vede l'impegno, in maniera matura e responsabile, dei lavoratori dell'Ast, ma anche di tutta la comunità ternana, di tutte le forze politiche e sociali, di tutto il mondo produttivo. La partecipazione al corteo, la solidarietà che esso ha trovato al suo passaggio, sono un messaggio forte e chiaro che Terni è contraria allo spacchettamento del sito produttivo delle acciaierie e chiede il rispetto degli impegni presi. La volontà e la deteminazione di una città intera saranno di nuovo poste all'attenzione dell'attuale proprietà del sito Ast e al Governo che è chiamato a interessarsi con forza di un sito per il quale passa un pezzo significativo della politica industriale del Paese".