Primo Piano

Stagione di prosa 2021-2022

(ufficio stampa) - La stagione di prosa 2021-2022 del comune di Terni, organizzata dal Teatro Stabile dell'Umbria e dall'assessorato alla Cultura, vede in cartellone, al Secci, 12 spettacoli, tra i quali 2 appuntamenti con la danza. Nel programma cinque spettacoli sono in esclusiva regionale.
Campagna abbonamenti (Centro Arti Opificio Siri, dal giovedì alla domenica, 10- 13 e 17-20, tel. 0744 1031864) dal 18 settembre con la prelazione per gli abbonati della Stagione 2019/2020 che, solo per quest’anno, a causa delle restrizioni Covid,  dovranno scegliere, al momento dell’acquisto dell’abbonamento, un nuovo posto nelle piantine che riportano il distanziamento. 
La stagione prende il via l’11 ottobre con La Tragedia è finita, Platonov, il nuovo lavoro di Liv Ferracchiati. Lo spettacolo, prodotto dal teatro Stabile dell’Umbria, arriva al Secci dopo il  successo ottenuto al 48° Festival del teatro di Venezia e al Festival dei Due Mondi di Spoleto.
Il 21 e il 22 ottobre Monica Guerritore porta in scena il capolavoro di Brecht, L’anima buona di Sezuan
Il 29 ottobre, con una recita fuori abbonamento, a grande richiesta torna a Terni Opera Bianco con lo spettacolo di danza, Jumpi premiato dal bando del ministero degli Esteri Vivere il palcoscenico all’Italiana.
Il 10 e l’11 novembre il pubblico potrà apprezzare Regalo di Natale, tratto dal film di Pupi Avati, interpretato da  Gigio Alberti, Giovanni Esposito, Valerio Santoro, Gennaro Di Biase e Pierluigi Corallo.
Dal 30 novembre al 3 dicembre è la volta di un’altra produzione del Teatro Stabile dell’Umbria, La Signorina Giulia di August Strindberg che ha debuttato al Festival di Spoleto in prima assoluta. A firmare la regia Leonardo Lidi che ha vinto a trentadue anni il Premio della Critica 2020 dell’associazione nazionale Critici di Teatro.
Il 14 e il 15 dicembre lo sport incontra il teatro con La leggenda del pallavolista volante.  Andrea Zorzi  – il pallavolista due volte campione del mondo e tre volte campione europeo con l’indimenticabile Nazionale di Julio Velasco – sale sul palcoscenico e, grazie alla penna e alla regia di Nicola Zavagli, racconta la sua grande avventura.
Il 27 e il 28 dicembre uno dei nomi più apprezzati e singolari della danza, Silvia Gribaudi, presenta Graces  spettacolo vincitore del Premio Danza&Danza 2019, una performance ispirata alla scultura e al concetto di bellezza e natura di Antonio Canova.
Il 17 gennaio va in scena Mio padre non è ancora nato di Caroline Baglioni e Michelangelo Bellani, spettacolo vincitore del bando Visionari Kilowatt Festival 2019.
Con La classe, il 28 e il 29 gennaio, è la volta di un docupuppets con pupazzi e uomini in cui gli adulti interpretati da pupazzi, rileggono i ricordi dell’infanzia: Fabiana Iacozzilli fa nascere dai ricordi delle scuole elementari. 
Il 18 e il 19 febbraio, Yari Gugliucci, Clotilde Sabatino e Rita Pilato ne L’ombra di Totò raccontano la vita del celebre attore attraverso la sua controfigura, Dino Valdi
Il 3 e il 4 marzo il Secci ospita Dei figli uno spettacolo sulla generazione allargata di “giovani” tra i 18 e i 45 anni che non ha alcuna intenzione di dimettersi dal ruolo di figlio.  
La Stagione si chiude il 22 e il 23 marzo, all’insegna della comicità, con La parrucca una commedia tratta da due atti unici di Natalia Ginzburg e interpretata da Maria Amelia Monti e Roberto Turchetta.

SPA - Ufficio Stampa/Agit