Notizia

Impegno dell'Anas per mettere in sicurezza lo svincolo di San Carlo

(Direzione Generale/Uff.stampa) - L’Anas ha accetto la proposta del Comune di Terni di mettere in sicurezza e adeguare lo svincolo San Carlo – Collelicino.
”Fin dal primo insediamento di questa giunta – dichiara l’assessore ai Lavori Pubblici Silvano Ricci - ho più volte evidenziato all’Anas l’elevata incidentalità dell’intersezione tra la strada comunale di San Carlo e la Ss 675 Umbro Laziale. L’attuale svincolo, infatti, non disimpegna adeguatamente con flussi monodirezionali il traffico veicolare in entrata ed in uscita dalla statale, specialmente per gli utenti provenienti da Collelicino e diretti a Spoleto. Può accadere infatti che nonostante sia consentita la sola manovra di svolta a destra, effettuano una pericolosa manovra a sinistra al fine di accorciare il percorso da effettuare. Dunque, l’Anas a conclusione di numerosi incontri, ha accetto la proposta del Comune di Terni, approvata con la d.g.c. nr. 107 del 13.10.2009, ritenendola la più funzionale e la più economica. La soluzione prevista dal progetto definitivo inviato in questi giorni dall’Anas prevede la realizzazione di una strada complanare che dallo svincolo di San Carlo colleghi i centri abitati della zona di monte e che utilizzi il sottovia esistente distante circa un chilometro per ricollegarsi alla viabilità di valle. Ringrazio l’Anas per l’impegno, l’attenzione e la collaborazione dimostrata, confermando di saper cogliere le priorità ed investire sulla sicurezza delle proprie infrastrutture viarie. Sono convito che il completamento dell’iter che porterà alla costruzione della complanare di San Carlo verrà accolto positivamente dal comitato dei cittadini che per anni si sono battuti per sensibilizzare tutte le istituzioni. Nei prossimi giorni organizzerò un incontro con i cittadini insieme al sindaco, all’assessore al Traffico e al presidente della circoscrizione Est per illustrare i contenuti della proposta progettuale che a breve verrà discussa nel corso di una conferenza dei servizi convocata dal Provveditorato alle opere pubbliche per la Toscana e l’Umbria”.