Notizia

Via le barriere architettoniche sui marciapiedi del quartiere Battisti

Via le barriere architettoniche sui marciapiedi del quartiere Battisti

(Ufficio/Stampa/Acot) – Nel quartiere Battisti saranno realizzate 37 nuove rampe bidirezionali angolari e  52 rampe semplici ad una direzione o bidirezionali su attraversamenti pedonali esistenti, nell’ambito di un progetto per l’abbattimento delle barriere architettoniche e la riqualificazione urbana.
Il progetto definitivo è stato deliberato ieri dalla Giunta comunale, su proposta dell’assessore ai lavori pubblici Benedetta Salvati.

Gli interventi saranno finanziati con 70mila euro nell’ambito dei fondi assegnati al Comune di Terni dal Ministero dell’Interno, in attuazione della legge di bilancio 2020 come contributi di Stato per l’efficientemente energetico e lo sviluppo territoriale sostenibile.

Le vie interessate, caratterizzate da alta densità abitativa e da numerose attività commerciali al dettaglio, sono: via Muratori, via Romagnosi, via Vico, viale D’Annunzio, via Chiesa, via della Vittoria, via Rismondo, via Sauro, via Gori, via Pacinotti, via Volta, via Galilei, via Torricelli, via Leonardo da Vinci, piazza Fermi.

“Attualmente – spiega l’assessore Salvati – queste vie presentano una parziale presenza di rampe per l’abbattimento delle barriere architettoniche. Troviamo infatti attraversamenti pedonali o passi carrabili autorizzati, con interruzione di marciapiede privi di scivolo di raccordo con il piano viabile, o presenti solo in un lato, creando frequentemente disagio ai pedoni”. “L’intervento prevede quindi di rendere omogenei questi spazi e tratti di marciapiedi, abbattendo le barriere architettoniche esistenti consistenti in scalini variabili da 8 a 15 centimetri, con la realizzazione di rampe con una pendenza minore o uguale all’8% e poter rendere fruibile qualsiasi spazio o marciapiede anche a a persone con problemi di deambulazione”. 

Gli interventi gli proseguiranno in altre aree appena saranno disponibili nuovi finanziamenti e riguardano la rimozione dei cigli di marciapiede, della pavimentazione superficiale, la creazione del nuovo piano di posa in pendenza della rampa di raccordo tra il piano di calpestio ed il piano viabile.

GLD - Ufficio Stampa/Acot